27/07/2018

Vitamina D bassa? 3 consigli per evitarne la carenza.

Vitamina D

La vitamina D, come molti sanno , favorisce l’assorbimento del calcio contribuendo a mantenere più forti denti e ossa in tutte le fasi della vita. Non tutti però sanno che la vitamina D è importante per prevenire malattie come il diabete, l’ipertensione e le malattie autoimmuni. Prestigiose riviste mediche hanno evidenziato che nel mondo occidentale oltre il 50% delle persone è carente di vitamina D, con punte che arrivano sino al 70% nelle donne in menopausa. Si è inoltre riscontrato un preoccupante aumento del rachitismo infantile soprattutto nei paesi nordici

3 Consigli utili.

Tre semplici consigli per avere una corretta concentrazione di vitamina D nel nostro organismo:

  1. Esporsi al sole, per quanto possibile, almeno 30 minuti al giorno evitando le ore più calde della giornata e applicando creme solari protettive. I filtri solari riducono l’assorbimento della vitamina D ma sono comunque necessari per proteggere la pelle dai danni dei raggi ultravioletti. La luce solare è la principale fonte di approvvigionamento di vitamina D perché trasforma il deidro colesterolo presente naturalmente nell’organismo in vitamina D3 (colecalciferolo)
  2. Alimentazione corretta: nella dieta devono essere presenti alcuni alimenti ricchi di vitamina D come il pesce, soprattutto salmone e pesce azzurro, il tuorlo dell’uovo e i latticini.
  3. Assunzione di integratori alimentari: se non si ha la possibilità di esporsi al sole durante tutto l’anno o non si gradiscono gli alimenti che contengono la vitamina D è opportuno assumere con regolarità integratori alimentari per prevenirne la carenza. Tali integratori sono particolarmente consigliati: alle donne in menopausa e ai bambini in fase di accrescimento, ma sono adatti a tutti per mantenere un buon livello di vitamina D nell'organismo.